Razionale

Il tumore della prostata rappresenta il 20% di tutte le neoplasie nell’uomo a partire dai 50 anni di età, con 36.000 nuovi casi all'anno.

Negli ultimi 20 anni la sopravvivenza dei pazienti affetti da tumore della prostata è progressivamente aumentata, sia per l'incremento delle diagnosi precoci che per l'introduzione di nuovi trattamenti efficaci, in grado di migliorare la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti (sorveglianza attiva, farmaci, chirurgia, radioterapia).

Il Radio223 dicloruro è una terapia di provata efficacia clinica: la sua azione si caratterizza dal legame con l'idrossiapatite e dall'emissione di particelle Alfa in grado di indurre la morte delle cellule neoplastiche, preservando, per le sue caratteristiche fisiche, le cellule sane circostanti, in particolare le cellule ematopoietiche.

La gestione del paziente in trattamento con Radio223 presuppone la collaborazione tra diverse figure professionali , ed è pertanto molto importante non soltanto sviluppare conoscenza ed esperienza sul farmaco, ma anche poter condividere tali esperienze. Pertanto l' incontro si svolgerà con la formula della tavola rotonda con la finalità di suscitare uno scambio interattivo tra clinici.

Relazioni Evento

 

- Il ruolo del clinico nella scelta terapeutica e nella gestione del paziente in trattamento con Radio-223. G. CARTENÌ, E. CORTESI

Carcinoma della prostata: microambiente osseo e prognosi. Le caratteristiche del paziente candidabile a Radio-223. O. CAFFO

Radio-223 nella real-life: timing del trattamento, biomarcatori e management clinico G. PROCOPIO

L’imaging per la rivalutazione e il follow-up del paziente trattato con Radio-223 S. BALDARI

Caso Clinico F. ALONGI

Caso Clinico G. FACCHINI

Caso Clinico F. MONARI

Caso Clinico M. TUCCI

Conclusione e take home message G. CARTENÌ, E. CORTESI