Razionale

Le pazienti affette da carcinoma della mammella in trattamento ormonale adiuvante vanno rapidamente incontro a progressivo depauperamento osseo e aumento del rischio di frattura, che in pazienti sempre più lungo-sopravviventi possono avere importanti conseguenze in termini di morbilità e disabilità motoria. Le attuali linee guida inerenti la prevenzione dell'osteoporosi prevedono l'indicazione in questo setting di pazienti ad una terapia anti-riassorbitiva di protezione ossea, da instaurare già nel momento stesso in cui le pazienti iniziano la terapia ormonale.

Per una gestione ottimale del percorso terapeutico è importante l'approccio multidisciplinare, potendo disporre del supporto di un esperto all'interno della Breast Unit e del supporto del medico di famiglia nell'ottica di una medicina integrata. La prevalenza di mutazioni ereditarie BRCA è indipendente dall'età alla diagnosi e dalla storia famigliare. Identificare per tempo la mutazione BRCA permette alle donne colpite da tumore mammario di accedere alle più innovative cure personalizzate.