Razionale

In questi due anni abbiamo vissuto la tragedia della pandemia COVID che non solo ha provocato migliaia di morti ma ha limitato la possibilità per molti pazienti di potersi curare o di avere una diagnosi precoce di malattia (es screening). Nonostante le terapie oncologiche non si siano interrotte durante la pandemia si è registrata un significativa riduzione nelle nuove diagnosi di tumore dovute alla sospensione delle attività diagnostiche e di screening. Di conseguenza a ciò anche la ricerca clinica ha subito importanti ripercussioni. Stiamo ad oggi vivendo una lenta ma progressiva normalizzazione delle attività cliniche quotidiane. “Avanti, Pedro, con giudizio, se puoi”, è l’espressione che nei Promessi Sposi viene usata dal Gran Cancelliere di Milano Antonio Ferrer che si rivolge al cocchiere mentre la carrozza passa circondata dal popolo in fermento per la carestia dopo la peste. Ebbene, anche l’oncologia sta uscendo con ’judicio’ dalla pandemia, ma nello stesso tempo con decisione e con la volontà di ripartire meglio di prima. Questo congresso ha lo scopo di favorire un confronto tra i migliori specialisti di settore per capire quali siano le novità recenti, le prospettive future della ricerca e del trattamento dei pazienti oncologici che inevitabilmente risentirà dell’epoca appena trascorsa. 


>>  E' previsto un numero chiuso di iscrizioni  <<