Razionale

La scelta di un'appropriata terapia adiuvante o di una corretta combinazione di terapie adiuvanti finalizzate al trattamento e alla cura del carcinoma mammario positivo ai recettori ormonali (HR+) in stadio precoce e a rischio intermedio rappresentano una sfida particolarmente difficile nella quiotidianità dei clinici oncologi. I tradizionali parametri clinico-patologici non si sono sempre rivelati adeguati nell’ identificare quei pazienti che possono realmente beneficiare dalla chemioterapia  e quelli per i quali non è indicata.
Oggi, in Italia, sono disponibili test multigeni in grado di guidare la scelta oncologica adiuvante nel percorso diagnotico-terapeutico delle donne con tumore mammario ormono-responsivo. L'utilizzo dei test multigeni può portare quindi, ad una sempre più adeguata scelta medica per ogni singola paziente, per la quale il team multispecialistico necessiti di una valutazione approfondita e sicura.
Dal 2019, la Regione Lombardia, per prima in Italia, ha reso disponibile e rimborsabile il test Oncotype DX per le pazienti affette da cancro al seno, idonee al test secondo precisi criteri e residenti in Regione. Una vera e propria svolta per le pazienti e un esempio virtuoso per il welfare regionale.
L’obiettivo di questo incontro, che vede riunite le Breast Unit della Lombardia, è quello di analizzare criticamente l’attività di questi primi 3 anni di utilizzo del test, partendo dal  ruolo del patologo, alla discussione collegiale sino all’ottimizzazione dell’utilizzo del test nella pratica clinica. Si intende quindi condividere le prospettive di impiego secondo l’evoluzione degli algoritmi terapeutici nel tumore mammario per guardare insieme verso percorsi di ottimizzazione e miglioramento delle cure nel sistema sanitario regionale lombardo.